rientro dalle vacanze

Ecco come gestire al meglio lo stress da rientro dalle vacanze

Il consiglio più importante

 

Anche quest’anno le vacanze stanno finendo e per moltə inizia un difficile periodo di ritorno alla routine quotidiana.

Se ne parla tutti gli anni e ormai sappiamo quasi a memoria quali consigli andrebbero adottati per vivere meglio questo evento.

Sappiamo, però, quanto gli automatismi siano difficili da contrastare e da cambiare. Perciò adottiamo l’unico modo efficace che abbiamo: ripetere, ripetere e infine ripetere ancora.

Ma stavolta, però, leggendo questo articolo prenditi l’impegno di mettere in pratica almeno uno, anzi due, meglio tre dei consigli che riassumo qui per te, ok?

Comincio dal consiglio più importante e meno consigliato: accetta la situazione!

Essendo inevitabile, mettersi di traverso e avere un atteggiamento insofferente è controproducente e peggiora solo le cose.

Attenzione però, accettare non vuol dire subire. Accettare vuol dire capire come stanno le cose e agire in modo da limitare gli effetti negativi ed esaltare quelli positivi.

Perciò ecco il secondo consiglio: fai l’elenco dei lati positivi del rientro dalle vacanze e dai loro più spazio possibile.

 

Come affrontare il rientro al lavoro

Per alcuni il rientro al lavoro può avere un effetto davvero scioccante. Come essere investiti da un’onda improvvisa che ti butta sott’acqua. Nei casi più gravi ti sembra di soffocare e di non riuscire a tornare a galla. Ma anche nei casi meno gravi essere sballottati senza controllo dal vortice dell’onda è una brutta sensazione.

Sappiamo, però, che avere a che fare con un’onda, per quanto grande essa sia, non deve essere per forza traumatico e che, al contrario, può essere anche divertente. Basta essere preparati.

Perciò ecco 6 consigli pratici per essere preparati ad affrontare il rientro a lavoro…

  • Rientra uno o due giorni prima?
    Sia il fisico che la mente hanno bisogno di un po’ di tempo per adeguarsi al cambiamento e ritrovare la mentalità lavorativa.
  • Programma il rientro al lavoro a metà settimana
    Tornare al lavoro di mercoledì è più facile e meno stressante perché il fine settimana è già alle porte.
  • Inizia con gradualità
    Se puoi disporre della tua agenda inizia facendo le attività che ti piacciono di più, alternando quelle pratiche o manuali a quelle di concetto.
    Se non puoi scegliere cosa fare, lavora sull’atteggiamento mentale: accetta la situazione e concentrati sui lati positivi. Tra l’altro sai per esperienza che nel giro di poco/tanto la routine prende il sopravvento, le vacanze diventano un lontano ricordo e la tua vita si stabilizza. Perciò entra da subito in quest’ottica e favoriscine il compimento.
    In entrambi i casi riprendi confidenza con le prassi aziendali e riattiva i contatti con i colleghi, clienti, e fornitori con cui vai più d’accordo.
  • Organizzati secondo priorità
    Probabilmente al rientro trovi sia le attività lasciate in sospeso prima di partire per le vacanze che attività nuove. Perciò dapprima ordinale in base alle priorità, poi programmane le tempistiche. Nel farlo tieni conto che avrai bisogno di un po’ di tempo prima di riuscire a tornare operativo al tuo massimo.
    Almeno per i primi tempi evita di lavorare oltre l’orario, sarebbe uno stress eccessivo sia per la mente che per il fisico.
  • Ogni tanto prenditi una pausa
    Nei primi giorni hai bisogno di ricaricarti più spesso quindi cerca di prenderti qualche pausa in più, bastano pochi minuti. Fai due passi e magari anche un po’ di stretching, bevi dell’acqua (evita il caffè) o mangiati un frutto.
  • Fai la pausa pranzo all’aperto
    Visto che meteo e temperature lo permettono, cerca di fare la pausa pranzo all’aperto prendendoti tutto il tempo a disposizione. Mangia cibi gustosi che ti gratifichino ma leggeri così da non appesantire la digestione (e il pomeriggio).

È nel tempo libero che puoi fare la differenza

Per il tempo libero ti propongo 5 consigli da seguire.

  • Fai esercizio fisico
    Come sai l’esercizio fisico è sempre importante per il tuo benessere psicofisico ma in questa fase critica di rientro dalle vacanze lo è ancora di più.
    Ti consiglio di ritagliarti 30-45 min di corsa o bicicletta al mattino prima di andare a lavorare. Vale la pena andare a dormire un po’ prima per poter iniziare la giornata riattivando bene il fisico e la mente prima di chiudersi in ufficio. Vedrai che ne beneficerà sensibilmente anche l’umore. Se alzarti presto al mattino proprio non fa per te, ritagliati del tempo dopo il lavoro. Inoltre, almeno finché il meteo tiene, se ne hai la possibilità vai a lavorare a piedi o in bicicletta.
    Poi, se già non ce l’hai, organizza un appuntamento settimanale di sport con amici e amiche. È un’ottima valvola di sfogo e di divertimento! Puoi fare: tennis, zumba, paddle, yoga, nuoto, pattinaggio, corsa, bici, calcetto, balli latino americani o qualunque altra attività fisica da condividere con gli amici che ti diverta e che ti aiuti a sfogare lo stress settimanale.
  • Riprendi le abitudini piacevoli
    Ricorda che anche durante l’anno ti diverti perciò riprendi subito e con entusiasmo queste piccole grandi abitudini. Se non ne hai che ti soddisfano pienamente cogli l’occasione per crearle adesso.
    Fortunatamente la stagione teatrale è ripresa ed è una buona occasione per ritornare a godere di quest’arte, lo stesso vale per cinema e musei.
    Poi ci sono le uscite con gli amici, i locali preferiti, la musica, lo shopping e i weekend fuori porta.
  • Impara a staccare dal lavoro
    Ciò che è va mantenuto del periodo di vacanza è lo staccare dal lavoro. “Staccare” vuol dire ricaricarsi e non ne abbiamo bisogno solo un paio di volte all’anno con le ferie ma regolarmente.
    Perciò impara a staccare tutti i giorni dopo il lavoro e nei fine settimana. Non sempre e non per tutti è facile riuscire a svuotare completamente la mente dai pensieri e dalle preoccupazioni del lavoro. Però è vitale: ne va del tuo benessere quotidiano, perciò dedicaci tempo e energie per riuscirci. È dura solo all’inizio, una volta presa l’abitudine verrà da sé.
  • Prenditi un giorno di ferie
    Un consiglio caloroso che voglio darti è quello di prenderti, compatibilmente con la tua situazione ferie e permessi, un giorno di ferie al mese o ogni 6 settimane o al trimestre per fare qualcosa che ti piace, da solo, in coppia o con un amico/a.
  • Regolarizza il mangiare e il dormire
    Per essere in grado di affrontare al meglio la quotidianità post vacanza, oltre che all’atteggiamento mentale, bisogna dedicare le giuste attenzioni anche al fisico. Mens sana in corpore sano. È tutto più semplice se entrambi stanno bene, vero? Perciò dormi le ore che ti servono per essere fresco e riposato al suono della sveglia. E se per farlo devi rinunciare ad un’ora di televisione o di social non avere dubbi e rinunciaci serenamente.
    Stesso dicasi per il mangiare. Dai l’importanza che merita alla colazione, scegli una dieta che ti faccia star bene, gustosa ma leggera e limita l’alcol.
    Sarebbe bene cominciare a regolarizzare entrambi già negli ultimi giorni di vacanza.

Aiuta anche i tuoi figli a gestire lo stress da rientro

Anche i bambini soffrono il rientro dalle vacanze perciò anche con loro bisogna avere alcune accortezze:

  • dai loro il tempo di abituarsi ai nuovi ritmi con qualche giorno d’anticipo;
  • fai loro capire che è normale sentirsi dispiaciuti perché le vacanze sono finite e dì loro che li capisci;
  • ricorda loro tutte le cose belle che trovano al rientro (gli amici, i nonni, i loro giochi preferiti, gli scout, le lezioni di chitarra e così via);
  • prima che ricominci la scuola organizza qualche incontro con i compagni di classe più stretti per ristabilire i legami in modo che il primo giorno di scuola siano già affiatati;
  • coinvolgili sia nella preparazione e nell’acquisto delle loro cose per la scuola (libri, zaini, astucci) che nella scelta delle attività extra scolastiche.

Fare questo ti permette di acquisire obiettività, di poter riformulare la tua valutazione e cambiare i presupposti che ti portano ad arrabbiarti.

VUOI AIUTO PER AFFRONTARLA?

Contattami: la prima telefonata è gratuita!

Leggi anche

Impara a dire di no

Impara a dire di no

Se non riesci a dire di no è perché, in qualche maniera, ti è stato impedito di continuare a farlo.

Se ti arrabbi non è colpa degli altri

Se ti arrabbi non è colpa degli altri

Provare a risolvere le cause delle tue arrabbiature è un ottimo modo per migliorare la tua quotidianità.

Pensi di essere un fallito? Dimostramelo

Pensi di essere un fallito? Dimostramelo

Non sei mai stato un fallito e ne ho la prova. È la paura di fallire che fa pensare di essere un fallito.

One Response

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *