natale 2020

Natale 2020 diverso, magari ancora più bello: dipende da te!

Abbiamo già utilizzato tutta la dose di abbassamento della guardia

Era prevedibile e sensato supporlo ed ora è anche ufficiale: il Natale 2020 sarà diverso da tutti gli altri.

Con il nuovo Dpcm Natale le restrizioni e le regole saranno uguali per tutta l’Italia, non importa di che colore siano le regioni: a Natale niente spostamenti fuori dal comune, nessuna riunione familiare con nonni, zii, cugini, fratelli e sorelle che non facciano parte del proprio nucleo familiare (convivente).

Qualcuno l’ha definita una linea dura. Dicono, però, che ci siano delle circostanze attenuanti o meglio motivanti: pare infatti che il coronavirus abbia dichiarato che il primo a non andare in vacanza a Natale sia proprio lui!

Abbiamo già utilizzato la nostra dose di abbassamento della guardia durante il periodo estivo e fino all’inizio dell’autunno, adesso non ne abbiamo più e ci tocca farne a meno.

Al netto della drammaticità della situazione (generale e/o particolare), che non nego o sottovaluto neanche per un minuto, le indicazioni e le limitazioni che abbiamo su come vivere questo Natale ci offrono nuove possibilità. Ancora una volta abbiamo un’occasione per fare qualcosa di diverso e magari, niente lo impedisce, di meglio.

Quelle tradizioni familiari di Natale… obbligatorie

Si sa: per molti il Natale è tra i periodi più difficili dell’anno e per alcuni in modo molto serio. In generale è sicuramente parecchio stressante con i suoi obblighi sociali e familiari, vedi, per esempio, le cene aziendali o i regali dovuti (e non voluti), la frequentazione di parenti mal sopportati, le tradizioni di famiglia obbligatorie che quasi nessuno ha mai realmente scelto e che magari erano fantastiche tra i 6 e i 14 anni ma poi: anche no, grazie!

Arriva dicembre, Natale si avvicina e nessuno pensa mai a cosa ha voglia di fare ma solo a cosa ci sarà da fare. Sì perché funziona così: a Natale ci sono le tradizioni da rispettare e si fa quello che si è sempre fatto anno dopo anno. Al più si pensa a chi è di turno ad ospitare, se bisogna andare dai parenti di lui o di lei e quanti saranno i posti a tavola: chi non c’è più e chi si è aggiunto.

Quest’anno no! Quest’anno puoi fare quello che ti pare

Quest’anno invece no! Quest’anno molte di quelle tradizioni saltano, è tutto diverso e mancano i riferimenti:

“Cosa fai a Natale?”

Niente, non si può fare niente, rimaniamo a casa

Ma come niente

Rispettando i limiti e le regole si può fare tutto quello che si vuole.

  • Vuoi dormire tutto il giorno? Lo puoi fare.
  • Vuoi organizzare la tombolata (in videochiamata) più grande di sempre? Lo puoi fare.
  • Vuoi preparare il pranzo di Natale con i tuoi figli? Stavolta lo puoi fare, ne hai il tempo e non devi dar da mangiare a cinquanta persone.
  • O, al contrario, non hai proprio nessuna voglia di cucinare? Lo puoi fare, quest’anno trovi sicuramente tanti ristoranti felici di portati il pranzo o cenone di Natale a casa.
  • Vuoi farti una maratona della tua serie tv preferita? Lo puoi fare.
  • Vuoi organizzare una videochiamata con l’unico parente che ti dispiace non poter vedere? Lo puoi fare.

Insomma, nei limiti, puoi fare tutto ciò che vuoi, devi solo pensarci, organizzare e farlo.

Fammi sottolineare un altro aspetto: non poter riunire la famiglia e (finalmente) rivedersi dopo un anno, creerà problemi solo alle famiglie con rapporti labili e forzati. Pensaci: chi ha rapporti stretti e forti, li ha tutto l’anno e dopo una decina di mesi di limitazioni e adattamenti sono sicuramente pronti e in grado di affrontare e godere al meglio il Natale rivisto e corretto dal Dpcm Natale.

Chi ha sempre vissuto il Natale serenamente lo farà anche quest’anno

Quindi, secondo me, per coloro che hanno sempre vissuto il Natale serenamente cambierà veramente poco perché sapranno adeguarsi mantenendo intatto lo spirito e l’essenza delle loro tradizioni.

Per gli altri sarà l’occasione per capire cosa c’è che non va nel loro rapporto con il Natale e provare a rimediare [ti ricordo che puoi sempre contare su di me anche per questo!].

È probabile che in molti si sentano sollevati a non dover rispettare alcuni (o molti) obblighi sociali e familiari. Sarebbe interessante partire da questa sensazione e cominciare a pensare come risolvere questa difficoltà per il prossimo anno e concedersi, così, la possibilità di migliorare il rapporto con le feste natalizie.

È talmente diffusa la perplessità o l’imbarazzo (che a volte diventa disagio) rispetto alle dinamiche e alle usanze su come si trascorre il Natale, che in molti interpretano il detto: Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi, come un’esortazione a tener duro: fai questa a Natale che poi sarai libero di fare quel cavolo che ti pare a Pasqua!

Chiedi sempre (ogni anno) ai tuoi figli cosa hanno voglia di fare a Natale. Non dare per scontata la risposta, gli anni passano e le voglie (e le esigenze) cambiano. Avere un rapporto sereno con le feste di Natale passa soprattutto da questo. Abituali a pensare a cosa hanno voglia di fare, abituali a decidere, a scegliere, ad avere idee (le loro idee) e, compatibilmente con le possibilità, rispettale ed esaudiscile.

Un Natale speciale a modo mio

Quest’anno, che siamo quasi costretti a pensare a cosa vogliamo fare, abbiamo la possibilità di costruirci il Natale su misura (un Natale fai da te) che ci soddisfi in tutto e per tutto.

Volendo, possiamo addirittura festeggiare tanti giorni di Natale quanti sono i componenti della famiglia in modo che ognuno abbia il suo giorno di Natale speciale (quest’anno anche il calendario ci dà una mano visto che il 27 è domenica).

Il senso del Dpcm, comunque la si pensi, è quello di rendere il più sicuro possibile lo svolgimento delle feste. Le regole e i divieti vanno intesi come uno strumento per aiutarci a non abbassare la guardia e a rimanere al sicuro dal pericolo diretto (il contagio) e da quello indiretto (il perdurare del periodo delle restrizioni).

Il circolo virtuoso

Quindi se a Natale pensi di riunirti con qualche familiare che non fa parte del tuo nucleo, fallo rispettando le distanze e usa la mascherina, non vale la pena rischiare (soprattutto per e con i nonni). In più, così facendo, contribuirai anche a tenere sotto controllo (e limitare) i numeri dei contagi che compongono i bollettini giornalieri che, a loro volta, determinano lo stato di crisi e le sue relative restrizioni (crea un circolo virtuoso).

Non farti confondere o istigare da chi si lamenta dicendo che “ci hanno rubato il Natale” o da chi ha già dichiarato che non seguirà le regole del Dpcm Natale: quella è gente che ha difficoltà a relazionarsi con la realtà e la nega per difendersi.

Nel caso voglia chiarirti le idee su questi aspetti delicati, ne possiamo parlare insieme, troveremo il giusto (per te) punto di vista da cui osservarli e trasformarli così da difficoltà a vantaggio.

Ti auguro di organizzare e trascorrere un Natale speciale

Ti auguro sinceramente di riuscire ad organizzare e a trascorrere un Natale speciale, diverso e per questo memorabile. Che sia il simbolo della reazione e del contrasto ad una situazione in cui molti si sentono passivi, in balia degli eventi e delle decisioni altrui.

Riuscire a vivere questo periodo natalizio con lo spirito della festa, con la voglia di star bene (a prescindere dalle limitazioni) e con l’idea che farcela dipenda molto anche da noi, è la miglior soluzione e il miglior rimedio all’anno difficile e doloroso che abbiamo vissuto.

Leggi anche

Mamma, papà: Babbo Natale esiste davvero?

Mamma, papà: Babbo Natale esiste davvero?

Intorno ai 6 anni i bambini si chiedono se Babbo Natale esiste davvero. Vi racconto come ho aiutato Roberto a trattare l’argomento con sua figlia.

Ecco perché una giornata tra amici con i figli può finire male

Ecco perché una giornata tra amici con i figli può finire male

Gestire i figli durante le uscite con gli amici? Ecco la storia di Nadia e di come l’ho aiutata a farlo.

Natale 2020 diverso, magari ancora più bello: dipende da te!

Natale 2020 diverso, magari ancora più bello: dipende da te!

Era prevedibile e sensato supporlo ed ora è anche ufficiale: il Natale 2020 sarà diverso da tutti gli altri. E se fosse un bene?

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *